OTORINOLARINGOIATRIA

Contattaci per maggiori informazioni ‚ě®

 

Il Dottor Claudio del Pero è specializzato in Otorinolaringoiatria e tratta le patologie di naso , gola , orecchio , sia su pazienti adulti che in età pediatrica.

Attraverso un’indagine accurata è possibile identificare ed intervenire sulle cause di:

  • Patologia estetica e funzionale del naso
  • Vertigini
  • Disturbi del sonno (russamento / OSAS)
  • Disturbi ORL dell'età pediatrica
  • Ipoacusia ed acufeni
  • Allergopatie delle vie respiratorie superiori
  • Fibroendoscopia nasale e laringea;

RINOPLASTICA

Patologia estetica e funzionale del naso

Si identifica l’insieme delle procedure volte a recuperare la normale forma e funzione del naso.

Esistono diverse forme di RINOPLASTICA, ma principalmente dobbiamo distinguere tra la RINOPLASTICA ESTETICA e la RINOPLASTICA FUNZIONALE , due forme diverse nella chirurgia del naso ma spesso complementari perché in molti casi la seconda tecnica integra la prima e la prima permette la seconda.

RINOPLASTICA FUNZIONALE

E' rivolta a ridare al naso deformato per trauma , malattia o malformazione , un aspetto che si avvicini il più possibile alla normalità o accettabile e al fine di permettere una respirazione normale.

RINOPLASTICA ESTETICA

E' rivolta a modificare le parti che compongono la piramide nasale con lo scopo di migliorarne la forma indipendentemente da difetti di struttura o funzione, ma solo per fini estetici .

ll rimodellamento del naso è oggi una chirurgia delicata che arreca un trauma minimo, che se eseguita correttamente si può quindi parlare di rinoplastica senza dolore .

Disturbi dell’equilibrio

Vertigini

Talvolta capita di avvertire dei capogiri che costringono impediscono di mantenere una posizione eretta, e costringono a sedersi.

Si tratta di vere e proprie vertigini che, quando non dipendono da patologie che possono investire tutto l'organismo (schiacciamento del tratto cervicale della colonna vertebrale, sclerosi multipla, ecc...) sono da riportare ad alcune malattie dell'orecchio e devono essere curate tramite un trattamento dei disturbi dell'equilibrio.

 

Un trattamento dei disturbi dell'equilibrio in otorinolaringoiatria viene iniziato qualora vi sia stata una diagnosi di patologie al labirinto, insieme con i tre canali semicircolari responsabili dell'orientamento nello spazio.

 

I casi più frequenti che determinano le vertigini sono quelli in cui è presente:

  • labirintite (infiammazione del labirinto)
  • labirintosi  (processo infiammatorio non reversibile dell'apparato uditivo)
  • cupololitiasi (lo spostamento degli otoliti, sorta di sassolini che si posizionano nell'orecchio interno)

 

Alla diagnosi si arriva dopo una visita effettuata dall'otorinolaringoiatra, insieme con un'indagine endoscopica del canale uditivo e delle vie aeree, ed esame audiometrico. A queste analisi possono essere affiancate delle stimolazioni termiche dell'orecchio e delle prove roto-acceleratorie per testare l'equilibrio.

Studio e chirurgia del russamento

Russare ed interrompere il ritmo del sonno mentre si dorme (APNEE) sono disturbi estremamente diffusi nella popolazione.

 

Diverse indagini epidemiologiche hanno dimostrato che le persone affette da tali problematiche presentano una aumentata probabilita' di:

- sviluppare ipertensione arteriosa

- malattie cardiovascolari e respiratorie

- decadimento delle funzioni cognitive

- delle performances psico-motorie

- riduzione della qualita' della vita

- sonnolenza diurna correlata ad incidenti stradali e sul lavoro.

 

Non è solo un problema per chi vi dorme accanto, ma può diventare anche una vera e propria malattia con importanti conseguenze.

 

RUSSARE  è indice di una parziale ostruzione delle vie aeree superiori (naso e gola) durante il sonno; quando l’ostruzione diviene completa, la respirazione si interrompe e si genera un' APNEA e si configura il quadro dell'OSAS.

 

Per una corretta diagnosi è necessario che il russatore si sottoponga ad alcuni accertamenti clinico-Strumentali (visita otorinolaringoiatrica con endoscopia delle vie aeree superiori e polisonnografia)

Otorinolaringoiatria pediatrica

Disturbi ORL dell'età pediatrica

Si effettuano diagnosi e trattamenti chirurgici o medici delle patologie malformative, neoplastiche, infettive e traumatiche di:

  • orecchio
  • naso
  • seni paranasali
  • testa e collo
  • cavità orale 
  • vie aeree inferiori

relative all'età pediatrica.

 

Ipoacusia ed acufeni

Per “ ACUFENE ” si intende quel disturbo costituito da rumori che, sotto forme diverse (fischi, ronzii, pulsazioni), vengono percepiti in una o in entrambe le orecchie o, più in generale, nella testa.

L’acufene non è una malattia ma può essere un sintomo di altri problemi di salute, sia di tipo psicologico che fisico.

I suoi effetti differiscono da un individuo ad un altro.

Per molti soggetti l’acufene viene percepito solo come un rumore di fondo, pertanto genera un disturbo minimo, mentre per altripuò essere debilitante ed influire su molti aspetti della vita e del benessere psico-sociale.

Purtroppo però, a causa della credenza erronea che l’acufene non possa essere curato o comunque parzialmente attenuato nella sua percezione soggettiva, e del fatto che molti non sanno che acufene ed ipoacusia sono spesso collegati, un gran numero di persone che soffre di questo disturbo non chiede aiuto al medico.

L'85% delle persone acufeniche presenta anche ipoacusia.

 

L' IPOACUSIA è è l'indebolimento dell'apparato uditivo dovuta a un danno o alla degenerazione di uno o più dei suoi componenti.

ALLERGOLOGIA

Allergopatie delle vie respiratorie superiori

QUALI SONO LE ALLERGIE RESPIRATORIE?

Le allergie respiratorie sono la RINITE ALLERGICA  e l’ ASMA BRONCHIALE .

La rinite allergica è un’affezione su base infiammatoria delle strutture del naso causata dall’esposizione a una sostanza cui il soggetto è allergico.

I sintomi tipici sono:

  • prurito
  • starnuti
  • secrezione di un liquido acquoso
  • sensazione di naso chiuso.

Quest’ultimo sintomo è l’espressione di un’intensa infiammazione che provoca l’ingrossamento delle strutture sporgenti del naso.

Se si ingrossano (ipertrofia dei turbinati), in quanto infiammati, l’aria passa con difficoltà e il soggetto percepisce la sensazione di naso chiuso.

Un altro aspetto della rinite allergica è la presenza di un’iperreattività non specifica, cioè non legata all’allergene.

La mucosa nasale infiammata diventa maggiormente irritabile dalle sostanze “irritanti”, per cui il soggetto starnutisce quando respira aria fredda, odori intensi, fumo, polveri.

Non è ovviamente allergico a queste sostanze, che non danno allergia, ma è iperreattivo, in quanto allergico.

 

L’ asma bronchiale è una malattia caratterizzata da irritazione, infiammazione e ostruzione dei bronchi.

Come per la rinite, l’infiammazione è causata dall’inalazione dell’allergene e si associa a un aumento della responsività bronchiale (è la capacità dei bronchi di reagire a determinati stimoli), a bronco-ostruzione e alla presenza di sintomi respiratori tipici: tosse stizzosa, difficoltà a respirare (dispnea), sensazione di oppressione al torace e percezione di fischi durante la repisrazione.

Fibroendoscopia nasale e laringea

La fibroscopia è un esame diagnostico che si effettua con l’ausilio di uno strumento detto fibroscopio , ovvero una sottile sonda costituita da fibre ottiche, munita di videocamera e collegata ad un computer.

Viene inserita nella cavità da esaminare e ne permette una visione immediata, alla ricerca di eventuali problematiche e anomalie.

A seconda della cavità da ispezionare, esistono diversi tipi di fibroscopia:

  • fibroscopia laringea e faringea
  • fibroscopia nasale
  • fibrobroncoscopia.

Questa tipologia di esame richiede solo pochi minuti e può essere praticato su pazienti di tutte le età.

COME SI ESEGUE
Lo strumento viene introdotto attraverso la cavità nasale ( laringoscopio flessibile ) o orofaringea ( fibroscopio rigido ).

Questa procedura è molto utile per effettuare interventi chirurgici mini-invasivi che riguardano questo distretto corporeo, ma in questo caso lo strumento è un tipo particolare di fibroscopio (chiamato laringoscopio autostatico ).

Con la fibrobroncoscopia flessibile possiamo invece avere una visione complessiva e diretta delle vie aeree superiori, della trachea e dei bronchi ed è possibile effettuare il prelievo di secrezioni e di tessuto (biopsie) da sottoporre ad ulteriori accertamenti. L’esame che si limita invece all’ispezione della sola cavità nasale è la fibroscopia nasale.

In questo caso lo strumento viene inserito solamente per pochi centimetri all’interno del naso.

RISULTATO
Si tratta di un esame leggermente fastidioso che può richiedere al massimo l'utilizzo di uno spray anestetico per alleviare il fastidio. Questo esame consente di diagnosticare molteplici patologie, quali:

  • stati infiammatori (asma bronchiale, broncopneumopatia cronica ostruttiva)
  • tumori benigni (polipi)
  • tumori maligni.

RUSSAMENTO / OSAS

Non è solo un problema per chi vi dorme accanto, può diventare anche una vera e propria malattia con importanti conseguenze ( sindrome delle apnee ostruttive nel sonno o OSAS ).

Interessa il 60% della popolazione maschile e il 40% di quella femminile dopo i 40 anni.

Russare è quindi indice di una parziale ostruzione delle vie aeree superiori  (naso e gola) durante il sonno: quando l’ ostruzione diviene completa , la respirazione si interrompe e si genera un'apnea ( OSAS ).

Cosa sono le apnee del sonno

Le apnee del sonno sono interruzioni del flusso aereo oro-nasale della durata di almeno 10 secondi .

Nelle apnee ostruttive, le vie aeree superiori si collassano durante il sonno, con conseguente sviluppo di sforzi respiratori progressivamente crescenti nel tentativo di superare l'ostruzione, che può essere superata soltanto con l'interruzione, in genere breve, dello stato di sonno che ripristina il tono dei muscoli dilatatori delle vie aeree superiori e la pervietà di queste ultime al flusso aereo.

DISTURBI

L'OSAS non causa soltanto disturbi respiratori notturni , ma anche alterazioni cardiovascolari  con possibile aumento del rischiodi:

  • ipertensione
  • ictus cerebrale
  • coronaropatie
  • peggioramento della funzione cardiaca.

 

Nel russamento, caratterizzato da incompleta chiusura delle vie aeree superiori, il rumore respiratorio deriva dalla vibrazione delle strutture del palato molle.

CONSEGUENZE

Le conseguenze immediate delle apnee/iponee sono:

a) l' ipossiemia intermittente notturna , secondaria alla riduzione della ventilazione

b) la ricorrente interruzione dello stato di sonno , in quanto il russare rappresenta l'unica risorsa per ristabilire la pervietà delle vie aeree.

Share by: